Astrologia e percorso evolutivo

Comprendere e migliorare la propria vita attraverso
l'oroscopo personale e la consulenza astrologica
Immagine Attualità

Cosa cambiereste dei vostri genitori?


Immagine C'è chi li ama per quello che sono, ma anche chi li avrebbe voluti del tutto diversi. Queste, in sintesi, le posizioni estreme di coloro che hanno risposto al nostro sondaggio. Sondaggio che ha interessato uomini e donne, senza distinzione di età o background culturale. Per scoprire che si rimane sempre legati ai genitori, nel bene e nel male, anche ad ottant'anni.



La domanda non sembri scontata. "Cosa cambiereste dei vostri genitori" non implica il fatto che si desideri, (o si sia desiderato) che siano diversi da ciò che sono. Il rispondere a questa domanda indica innanzi tutto la capacità di guardarsi dentro, il coraggio di riconoscersi non solo figli, ma anche individui. E se c'è chi ha risposto con ironia, o esternando un sincero e profondo amore filiale, c'è anche chi ha rispolverato ricordi amari mai del tutto sopiti, o sotterranee incomprensioni sempre presenti.

E., 35 anni, libero professionista
"Quando ero molto piccolo mi sentivo trascurato da mia madre, che, secondo me, ha sempre mostrato più amore verso mio fratello. Adesso i nostri rapporti sono cordiali, affettuosi".

Si è mai chiesto da cosa dipendesse?
"Forse da mia madre. Anche lei non è mai stata molto allegra, sempre così esigente. Forse dalla vita, che non gli ha dato quello che si aspettava. Non lo so, non ne abbiamo mai parlato. E se non lo abbiamo fatto fino ad oggi, dubito che cambierà adesso".

Non crede che in parte possa essere dipeso anche da lei?
"Bah, secondo me, almeno fino ad una certa età, sono i genitori che devono andare incontro ai figli. Non si può mica pretendere che un bambino di cinque o sei anni venga lì e ti dica: parliamo. Quando poi si diventa più grandi, se non c'è mai stato il dialogo, è difficile trovare un modo per instaurarlo. Intorno ai vent'anni ci ho provato, ma andava sempre a finire che litigavamo, perché su molte cose la pensiamo proprio all'opposto. Ormai, non mi interessa più. Ho la mia famiglia, i miei figli".

I miei genitori…
Li vorrei (avrei voluti) più:

21% Disponibili al dialogo
16% Comprensivi / affettuosi
10% Sinceri
28% Così come sono
12% Completamente diversi
5% Più simpatici / scherzosi
8% Con più tempo per me
Li vorrei (avrei voluti) meno:
10% Severi
24% Brontoloni
12% Tirchi
16% Ingiusti*
8% Rigidi
10% Infantili
20% Che si ricordassero di quando erano giovani anche loro
* Nella percentuale di chi li ritiene ingiusti, soltanto il 2% è rappresentativo dei figli unici, in quanto l'ingiustizia viene percepita in relazione ai comportamenti dei genitori nei confronti dei fratelli.
Confrontato con i suoi genitori, lei pensa di essere un genitore…
20% Migliore
5% Peggiore
20% Diverso
10% Più o meno come loro
15% Assolutamente non come loro
10% Non è possibile fare confronti
5% Non saprei
15% Non risponde


Lei che tipo di genitore è?
"Dovrebbe chiederlo a loro. Il più grande ha dodici anni, la piccola otto. Hanno una mamma dolcissima, che stravede per loro, e che non ha mai fatto ingiustizie: se compriamo una cosa a lui, ne compriamo una anche a lei. Con mio figlio parlo, anche troppo, forse. Ma almeno sa chi sono. Sa una cosa strana? Il nonno è con loro così affettuoso come con me non è mai stato, quando li vede è sempre al settimo cielo. Mia madre no, è rimasta uguale. Anzi, con gli anni, è diventata ancora più rigida. Infatti i miei bambini non ci stanno volentieri, soprattutto la piccola. Ha sempre qualcosa da ridire su come mia moglie la pettina, o la veste".

A. casalinga, 25 anni
"lo con i miei genitori ho sempre avuto un bellissimo rapporto, soprattutto con mia madre. Non mi hanno fatto mai mancare niente, hanno sempre accettato le mie scelte. No, non cambierei proprio nulla, mi piacciono così come sono".

Possibile che non ci sia un gesto, un atteggiamento che avrebbe voluto almeno una volta, diversi?
"Se proprio devo trovare un difetto, una cosa che non mi è mai andata molto giù è che fino a qualche anno fa, ed ero già grande, avevo diciassette, diciotto anni, mio fratello maggiore - ha dieci anni più di me - mi ha sempre picchiata, e loro non gli hanno mai detto niente. Ma era molto geloso, lo faceva per proteggermi, e poi io gliene combinavo davvero molte. Una volta, perché non mi avevano dato il permesso di andare all'Amiata un fine settimana con le amiche, e pensavo che lui ci avesse messo lo zampino, gli ho fatto uno sfregio sulla portiera della macchina con un chiodo. Insomma, lui me le dava, ma io non stavo lì a prenderle. Alcune mie amiche rimanevano sconvolte, perché un fratello certe cose non dovrebbe permettersele. Almeno, a casa loro gliele davano solo i genitori. Invece, a parte qualche scappellotto mia madre, mio padre non mi ha mai sfiorata. Ormai è passato, siamo grandi. Quel che è stato è stato. Però a mio fratello un po' gliene voglio ancora, non è che mi stia simpatico".

G. 58 anni, impiegato comunale
"Io sono nonno. Sicché, ho già visto due generazioni crescere. I genitori di oggi sono diversi da quelli di ieri. Mia sorella avrebbe voluto studiare, ma il babbo diceva che le donne dovevano andare a scuola di cucito, e sposarsi. Come dire, la pensavano all'antica. Poi, stavamo in campagna, in una zona isolata. Quando andavo alle elementari il pomeriggio dovevo lavorare, badare ai maiali, e fare quello che c'era da fare. Per andare all'Università mi sono dovuto mantenere lavorando, perché ho altri quattro fratelli, io sono il più piccolo, non ce la facevano a mantenermi. Almeno, ho imparato il valore delle cose. Erano quello che erano. Mi volevano bene, mi davano da mangiare, non mi hanno mai maltrattato".

Non mi sembra, però, che ne parli con entusiasmo
"Senta, io non gli ho mai mancato di rispetto, e ho sempre fatto quello che deve fare un figlio. Basta, non mi sembrano discorsi da fare. Il rispetto è rispetto".

T., 18 anni, studentessa
"No, no, non cambierei niente. I miei sono il meglio che si possa avere. Non rompono, sono simpatici. Li adorano anche i miei amici".

Come dovrebbero essere, secondo lei, i genitori?
"Prima di tutto, disponibili a parlare con te. Poi, capaci di riconoscere che anche loro possono sbagliare, e che tu sei una persona, con il tuo carattere. Ecco, è questa la differenza che vedo, rispetto ai genitori delle mie amiche - per gli amici è diverso, loro sono più liberi -: i miei non mi hanno mai detto devi fare questo, perché gli altri lo fanno, una ragazza deve vestirsi così, non deve dire certe cose. Non sono all'antica, sono moderni".

L.. 82 anni, pensionato
"A mia madre ho sempre voluto un gran bene, mio padre no, era un uomo duro, non perdonava nessuno. In casa decideva tutto lui, alla mamma non dava mai una lira, e non è che i soldi mancassero, eravamo solo in tre, e lui era un direttore di banca. Poi, dopo i cinquant'anni, ha anche iniziato a bere. Era una schifezza. Ormai sono vecchio, ma non provo più niente per lui. Mia mamma era una donna d'oro, che sopportazione".

Cosa le ha insegnato?
"Io ho avuto due figli, ho quattro nipoti e due bisnipoti. E nessuno, mai nessuno, ha avuto paura di me. A me, mio padre mi terrorizzava. Guai a scherzare con lui, a rientrare due minuti più tardi. Non sarò un gran padre, soprattutto con mia figlia, l'ultima, non ci siamo mai intesi molto, ma almeno i miei figli mi vogliono bene".

Con chi vive?
"Con mia moglie abbiamo un appartamento nello stesso palazzo di mio figlio grande. Mia nuora è la migliore che si poteva trovare. Comunque, siamo ancora indipendenti. Mia moglie poi, è più giovane, ha 69 anni, è ancora in gambissima".

P. 31 anni, impiegato
"Come persone, niente. Persone serie, in gamba, lavoratori. Come genitori, non so. Mia madre mi sta sempre addosso: non le piacciono mai le mie ragazze, spendo troppo per la macchina, dovrei fare un lavoro dove mi pagano di più. Quando mi sono fatto le mèches mi voleva ripudiare. Comunque, lei ha sempre avuto da ridire, mi ricordo quando andavo a scuola, o prendevo bravo, o bravissimo o dieci e lode, non era mai contenta. Ma io ho fatto sempre quello che mi pare".

È davvero sicuro di non essere stato influenzato?
"...forse sì: cerco sempre ragazze tranquille, se appena una mi dice qualcosa, tipo, perché stasera invece di andare alla partita di calcetto, non esci con me, la mollo. In questo senso, so di essere esagerato, perché invece non dò alle mie ragazze la stessa libertà. Se devo stare con una donna così, però, meglio da solo".

E suo padre?
"Una specie di santo. Non perde mai la pazienza. Credo però che tante volte neanche l'ascolti più. Di lui non cambierei niente".

N. 49 anni, commerciante
"I miei sono stati bravi genitori. Magari non andavamo d'accordo come carattere, ma e normale".

Non ha mai pensato che li avrebbe voluti diversi?
"Vede, nessuno è perfetto. Avremo avuto qualche discussione, piccoli disaccordi, ma come tutti, sono normali. Siamo persone, prima che genitori e figli. So che hanno sempre cercato di fare quello che era meglio per me. Più di questo, cosa dovevano fare?".

Com'è difficile essere bravi genitori
Ma i genitori cosa pensano di se stessi e dei figli?
V. 55 anni
"Secondo me, non esiste una formula. Genitori si diventa, non si nasce. Perché essere genitori non significa esserlo dal punto di vista biologico, in quel senso, potenzialmente, lo si è tutti. Significa esserlo psicologicamente e culturalmente, prepararsi, crescere assieme al proprio figlio. Avere una persona che dipende da te in tutto e per tutto, e poi vederla crescere; diventare grande, accettare che possa distaccarsi da te, non è facile, e nemmeno automatico. A volte i figli criticano i genitori come severi, o perché gli stanno troppo addosso. Ma la paura, dove la mettiamo? La preoccupazione che ogni genitore ha, per i propri figli. Credo che essere bravi genitori sia molto difficile. Bisogna imparare a convivere con i propri limiti e le proprie paure, cercare di superarli, e intanto abituarsi a vedere il figlio come una persona, accettare il suo carattere, il suo modo di essere. Io, per esempio, sono sempre stato un uomo timido. Di quelli che non vogliono su di sé l'attenzione, non sono un accentratore. Mio figlio, fin da piccolo, è sempre stato un protagonista. Per un po', mi ha fatto sentire anche in difetto. Cioè, da una parte ero orgoglioso, dall'altra un po' lo invidiavo. Poi, ho capito che se a volte era meglio essere come lui, altre era meglio essere come me. Oggi è uno stimato professionista, ma ha un sacco di responsabilità, di pressioni. Io non potrei mai farlo, mi verrebbe l'ulcera, e lui invece ci sta benissimo. Però, quando vuole rilassarsi, ce ne andiamo insieme a pesca. Ecco, secondo me essere buoni genitori significa essere se stessi, e lasciare che anche i figli possano esserlo. Senza modelli in testa, perché non ci sono regole. L'unica regola, è quella dell'amore"


Trovi tutte le notizie di attualità, costume, società, sondaggi, in Archivio 1 "Oltre la notizia", Sezione "Attualità", oppure effettua direttamente sul sito la ricerca di ciò che ti interessa.
Inizio pagina           Chi siamo               Copyright               Cookie Policy               Privacy               P.I. 01248200535
Immagine - Scegli il miglior Hosting Scegli il miglior Hosting
Il miglior servizio di hosting è quello di SiteGround. Lo abbiamo provato per te: un servizio solido, sicuro, affidabile, le tecnologie più aggiornate, assistenza sempre a tua disposizione e prezzi imbattibili. Leggi la nostra recensione:
- Perché scegliere l'hosting di SiteGround, pro e contro
Un'offerta speciale tutta per te. Approfittane, un'occasione unica! Clicca sul link: - scopri le offerte riservate, SiteGround, vai al sito
Immagine - Emozioni e PNL, diventare padroni del nostro destino Counseling on line: risolvi i tuoi problemi, realizza la tua vita
Counseling grafologico pedagogico evolutivo®, per realizzare noi stessi al 100%. Metodo fondato dalla dr.ssa Annarosa Pacini
Avere successo e vivere con soddisfazione la tua vita dipende da te. Dalla coppia alla famiglia, dal lavoro allo studio: scopri come fare per avere la vita che vuoi. Disponibile anche in modalità on line via Skype.
Leggi le testimonianze di chi lo ha provato in prima persona

Immagine - Grafologia evolutiva®, evolvi la tua vita, vai al sito Grafologia evolutiva, evolvi la tua vita Strumenti e metodi per star bene con noi stessi e con gli altri
Webinar, corsi, counseling, counseling on line, video, podcast, audiobook, ebook

Immagine - Comunicare per essere® podcast Comunicare per essere® podcast
Un podcast dedicato alla comunicazione e
alle relazioni interpersonali, in ogni ambito
della nostra vita
Tutte le puntate.
L'iscrizione è gratuita. Iscriviti immagine

Immagine - Miagrafologia.com, sito dedidcato alla grafologia Miagrafologia.com, la grafologia e le sue applicazioni
La consulenza grafologica in ambito giudiziario; relazioni, studio, lavoro; il gesto grafico.
Il counseling grafologico pedagogico evolutivo® per l'evoluzione e la formazione personale ad ogni età. Approfondimenti e focus.

Immagine - Amore, lavoro, famiglia: dall'astrologia  le risposte alle tue domande Amore, lavoro, famiglia: dall'astrologia le risposte alle tue domande
Consulenza astrologica on line sui punti fondamentali dell'oroscopo personale. Riflessioni e spunti per un percorso di crescita individuale
Un esperto a tua disposizione per sondare attraverso l'indagine astrologica l'universo che c'è dentro di te. Aria, Acqua, Terra, Fuoco, Case e Pianeti, Segno di nascita e Ascendente: consulenza astrologica on line sull'oroscopo del tuo tema natale. Scopri i segreti della tua Carta del Cielo.
Immagine - MusicAstrologia - focalizza le tue energie, libera la tua forza interiore, rafforza il tuo equilibrio - vai al sito MusicAstrologia: libera la tua forza interiore
Astrologia, musica e archetipi universali, ritmi e melodie in sintonia con i simboli e i messaggi astrologici
Essere se stessi fino in fondo vuol dire avere il coraggio di guardarsi dentro. Karma, spirito, materia, pensiero, sono parole vuote se non permettiamo a noi stessi di conoscerci. Noi siamo più di quello che crediamo di essere. MusicAstrologia, lasciati ispirare.
Immagine - Informavideo, video professionali per il web - Vai al sito Informavideo®, video professionali informativi per il web
Video professionali per i professionisti e gli imprenditori, pensati per il web
Professionisti, imprenditori, organizzazioni: se la qualità e il valore dei tuoi servizi e dei tuoi prodotti è ciò che ti distingue, Informavideo è ciò che fa per te. Informa con un video breve, efficace, interessante.