Astrologia e percorso evolutivo

Comprendere e migliorare la propria vita attraverso
l'oroscopo personale e la consulenza astrologica
Immagine Attualità

Il razzismo tra gli adolescenti

Immagine - Il razzismo tra gli adolescenti “Io Come Tu”: il punto di vista degli adolescenti italiani e di origine straniera. In occasione del 20 novembre, Giornata dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, Lorien Consulting e il Comitato Italiano per l’UNICEF hanno realizzato uno studio per indagare la percezione della diffusione del razzismo e della misure in atto per combatterlo tra gli adolescenti italiani e di origine straniera.

I ragazzi sono stati “ascoltati” tramite lo strumento del Web, che ha permesso di raggiungere 400 adolescenti italiani e 118 adolescenti di origine straniera, questi ultimi contattati grazie alla collaborazione di circa 90 associazioni di volontariato su tutto il territorio nazionale.
Parlando del rapporto tra persone di origine straniera che vivono in Italia e i ragazzi italiani, questi ultimi affermano di avere con le prime occasioni di incontro almeno una volta a settimana (70.0%); le incontrano principalmente nel tempo libero (43.9%) e a scuola (42.2%), ma sono innanzitutto loro amici, a prescindere dal luogo di incontro (50%). Più in generale, gli adolescenti italiani pensano sempre più che le persone immigrate siano parte integrante delle società (così per il 57% degli intervistati), ma che spesso vivano in situazione di disagio ed è dunque dovere innanzitutto degli italiani aiutarli (52%): più della metà del campione giudica dunque positivamente la loro presenza in Italia (55.6%), anche grazie all’arricchimento culturale che apportano al Paese (così per il 47.5% degli intervistati).
Affrontando invece il tema del razzismo, si è notato che ormai per tutti gli adolescenti, sia italiani che di origine straniera, il razzismo non è espresso solamente attraverso manifestazioni violente (15.3% degli adolescenti di origine straniera, 17.5% degli adolescenti italiani), ma in primis tramite rifiuto o emarginazione (44.4% dei ragazzi di origine straniera e 43.0% degli italiani) e per molti, specie per gli adolescenti di origine straniera, siamo di fronte a razzismo quando si fa qualsiasi distinzione verso persone di altra razza, cultura, religione etc. (38.9% vs 36.5%). Molto forte in questo caso, il parere del target adulto intervistato a seguito della presente ricerca : per il 53.7%, infatti, si definisce razzismo qualsiasi distinzione verso persone di altra razza, religione, cultura o ideologia. È da notare però che il target adulto non ha praticamente mai assistito ad episodi di razzismo (56.1%) o, se sì, si tratta comunque di esperienze filtrate dai media quali giornali o televisione (29%).
Ben diversa la situazione tra gli adolescenti: più della metà del campione degli adolescenti di origine straniera si divide infatti a metà tra chi ha assistito a fenomeni di razzismo (54.1%) e chi no (44.4%). Vi è però un 22.2% del campione che ha subito in prima persona manifestazioni di razzismo, fenomeni per più della metà accaduti nell’ultimo anno (53.8%); li hanno visti o subiti principalmente a scuola (61.5%) e la stessa cosa vale per gli adolescenti italiani (38%), il 43% dei quali afferma però di non aver mai assistito nemmeno indirettamente a manifestazioni di razzismo. Il razzismo è dunque vivo e ben presente nella vita quotidiana dei ragazzi, specie di origine straniera, i quali ritengono che siano soprattutto Istituzioni nazionali (20.8%), Chiesa (18.1%), organizzazioni internazionali (16.7%) e scuole (16.7%) ad occuparsi della lotta contro di esso. I ragazzi italiani, invece citano per primi, oltre alle organizzazioni internazionali (32%) e alle scuole (26.5%), le associazioni di volontariato (48%) e le singole persone (26.5%).
Entrambi d’accordo, però, su chi dovrebbe impegnarsi per primo nella lotta contro il razzismo: istituzioni nazionali (50% per i ragazzi italiani, 37.5% per quelli di origine straniera), scuola (47% vs 27.8%) e la collettività (41% vs 31.9%).
È stato chiesto inoltre ai ragazzi se erano a conoscenza della legislazione relativa alla acquisizione della cittadinanza italiana per le persone nate in Italia da genitori stranieri. Ad oggi, infatti, se una persona è nata in Italia da genitori stranieri, non può avere la cittadinanza italiana finché non avrà compiuto i 18 anni; da quel momento avrà solamente un anno di tempo per farne richiesta, nel caso non usufruisca di tale finestra dovrà fare richiesta di residenza e risiedere almeno 3 anni prima di poterla richiedere di nuovo. 7 adolescenti su 10, sia italiani che di origine straniera, non ne erano a conoscenza, percentuale che non sale se la domanda viene posta al target adulto (solo il 36.8% afferma di conoscere la legge in merito); la maggior parte degli adolescenti italiani (67%) e la quasi totalità di quelli di origine straniera (91.7%) sarebbero però d’accordo nel concederla per diritto a chiunque nasca in Italia, e la stessa cosa vale per il target adulto 76.9%. In materia di diritti attualmente gli intervistati affermano che gli immigrati hanno gli stessi diritti degli italiani; ne sono convinti gli italiani (sia il target di adulti, 67,1%, che di adolescenti, 56.5%, secondo il 12% dei quali gli immigrati hanno più diritti degli italiani) e ne sono convinti gli adolescenti di origine straniera (58.3%), per il 37.5% dei quali però gli immigrati hanno invece meno diritti rispetto agli italiani.
Si è poi cercato di capire più nel dettaglio la percezione che gli adolescenti di origine straniera hanno nei confronti del loro vivere in Italia. In generale è buona a quanto emerge dai dati, poiché ne dà un giudizio positivo il 66.7% del campione, negativo solo il 5.6% (incerto il 27.8%). Eppure se si chiede loro la prima parola che viene in mente pensando all’Italia , solo in pochissimi casi hanno associato all’Italia parole che richiamano senso di appartenenza. Molti hanno pensato a termini legati all’attualità o ad abitudini diffuse. Dalle risposte non emerge una percezione vera e propria di accoglienza, se non quando l’Italia diventa sinonimo di «salute».
Per quanto riguarda il linguaggio utilizzato dai media gli adolescenti ritengono che ritragga un’immagine dell’ immigrazione che è peggiore della realtà (così per l’58% degli italiani e il 54.2% degli adolescenti di origine straniera). Infatti quando viene chiesto loro le prime parole che gli vengono in mente rispetto al linguaggio utilizzato dai media in materia di immigrazione i risultati sono principalmente «clandestini», «criminali», «eccessivi» «flussi migratori»; troppo poco utilizzati secondo gli adolescenti termini come «accoglienza», «integrazione», «arricchimento culturale» . E proprio navigando nel principale nuovo media di oggi, Internet, quasi la metà dei campioni, sia italiano (49%) che di origine straniera (43.1%), ammette di essersi imbattuto in contenuti che promuovono atteggiamenti discriminatori contro gli immigrati, e considerando che Internet è utilizzato settimanalmente (laddove non quotidianamente) dall’86% di adolescenti italiani e dal 40.3% di adolescenti di origine straniera è decisamente un campanello di allarme.

L’anno scorso ci eravamo lasciati sottolineando l’esigenza di attuare importanti campagne di sensibilizzazione contro il razzismo tra i giovani, soprattutto nelle scuole; quest’anno, invece, emerge molto forte l’esigenza di allargare la campagna anche al World Wide Web, oltre che nelle scuole, perché i ragazzi d’oggi possano avere di fronte agli occhi degli esempi positivi che provengano innanzitutto dagli adulti che li circondano (e che si stanno effettivamente facendo sempre più sensibili al problema), ma anche dagli altri possibili punti di contatto da cui sono circondati quotidianamente, Internet e gli altri mass media per primi.










Trovi tutte le notizie di attualità, costume, società, sondaggi, in Archivio 1 "Oltre la notizia", Sezione "Attualità", oppure effettua direttamente sul sito la ricerca di ciò che ti interessa.
Inizio pagina           Chi siamo               Copyright               Cookie Policy               Privacy               P.I. 01248200535
Immagine - Scegli il miglior Hosting Scegli il miglior Hosting
Il miglior servizio di hosting è quello di SiteGround. Lo abbiamo provato per te: un servizio solido, sicuro, affidabile, le tecnologie più aggiornate, assistenza sempre a tua disposizione e prezzi imbattibili. Leggi la nostra recensione:
- Perché scegliere l'hosting di SiteGround, pro e contro
Un'offerta speciale tutta per te. Approfittane, un'occasione unica! Clicca sul link: - scopri le offerte riservate, SiteGround, vai al sito
Immagine - Emozioni e PNL, diventare padroni del nostro destino Counseling on line: risolvi i tuoi problemi, realizza la tua vita
Counseling grafologico pedagogico evolutivo®, per realizzare noi stessi al 100%. Metodo fondato dalla dr.ssa Annarosa Pacini
Avere successo e vivere con soddisfazione la tua vita dipende da te. Dalla coppia alla famiglia, dal lavoro allo studio: scopri come fare per avere la vita che vuoi. Disponibile anche in modalità on line via Skype.
Leggi le testimonianze di chi lo ha provato in prima persona

Immagine - Grafologia evolutiva®, evolvi la tua vita, vai al sito Grafologia evolutiva, evolvi la tua vita Strumenti e metodi per star bene con noi stessi e con gli altri
Webinar, corsi, counseling, counseling on line, video, podcast, audiobook, ebook

Immagine - Comunicare per essere® podcast Comunicare per essere® podcast
Un podcast dedicato alla comunicazione e
alle relazioni interpersonali, in ogni ambito
della nostra vita
Tutte le puntate.
L'iscrizione è gratuita. Iscriviti immagine

Immagine - Miagrafologia.com, sito dedidcato alla grafologia Miagrafologia.com, la grafologia e le sue applicazioni
La consulenza grafologica in ambito giudiziario; relazioni, studio, lavoro; il gesto grafico.
Il counseling grafologico pedagogico evolutivo® per l'evoluzione e la formazione personale ad ogni età. Approfondimenti e focus.

Immagine - Amore, lavoro, famiglia: dall'astrologia  le risposte alle tue domande Amore, lavoro, famiglia: dall'astrologia le risposte alle tue domande
Consulenza astrologica on line sui punti fondamentali dell'oroscopo personale. Riflessioni e spunti per un percorso di crescita individuale
Un esperto a tua disposizione per sondare attraverso l'indagine astrologica l'universo che c'è dentro di te. Aria, Acqua, Terra, Fuoco, Case e Pianeti, Segno di nascita e Ascendente: consulenza astrologica on line sull'oroscopo del tuo tema natale. Scopri i segreti della tua Carta del Cielo.
Immagine - MusicAstrologia - focalizza le tue energie, libera la tua forza interiore, rafforza il tuo equilibrio - vai al sito MusicAstrologia: libera la tua forza interiore
Astrologia, musica e archetipi universali, ritmi e melodie in sintonia con i simboli e i messaggi astrologici
Essere se stessi fino in fondo vuol dire avere il coraggio di guardarsi dentro. Karma, spirito, materia, pensiero, sono parole vuote se non permettiamo a noi stessi di conoscerci. Noi siamo più di quello che crediamo di essere. MusicAstrologia, lasciati ispirare.
Immagine - Informavideo, video professionali per il web - Vai al sito Informavideo®, video professionali informativi per il web
Video professionali per i professionisti e gli imprenditori, pensati per il web
Professionisti, imprenditori, organizzazioni: se la qualità e il valore dei tuoi servizi e dei tuoi prodotti è ciò che ti distingue, Informavideo è ciò che fa per te. Informa con un video breve, efficace, interessante.