Astrologia e percorso evolutivo

Comprendere e migliorare la propria vita attraverso
l'oroscopo personale e la consulenza astrologica
Immagine Attualità

Imprese: la natalità torna ai livelli record di inizio 2001


Immagine I segnali di ripresa alimentano la voglia di fare business. Oltre 100mila imprese in tre mesi, il saldo a quota 48mila (+1%), 15mila sono artigiani. Al Nord-Est e al Sud i tassi di crescita più alti.

Oltre 100mila imprese nate in tre mesi, vale a dire 1.720 per ogni giorno lavorativo, 72 ogni ora su tutto il territorio. È questo il bilancio in “pillole” dell’anagrafe delle imprese nel secondo trimestre del 2004. Al netto di quelle che nello stesso periodo hanno cessato l’attività, il numero delle aziende che a fine giungo risultano iscritte al Registro gestito dalle Camere di Commercio italiane è pertanto cresciuto di 47.800 unità rispetto alla fine di marzo, con un tasso di crescita trimestrale pari allo 0,97%.
“La grande vitalità del tessuto imprenditoriale italiano – ha detto il Presidente di Unioncamere, Carlo Sangalli - rappresenta certamente il punto di forza più evidente della nostra economia. Ogni giorno lavorativo si registrano alle Camere di Commercio oltre 1700 nuove aziende. Alcune sono imprese già strutturate per creare lavoro dipendente, altre rappresentano forme di auto-impiego attraverso le quali l’intraprendenza e la creatività di tanti giovani diventano lavoro autonomo e palestra d’impresa, da cui a volte possono avere origine anche importanti storie aziendali. Tutto questo – ha detto il Presidente di Unioncamere - testimonia una grande fiducia delle nuove generazioni nelle possibilità che offre il mercato ed è questa cultura a rigenerare continuamente il nostro tessuto produttivo. E’ fondamentale che questa fonte di benessere di tante famiglie sia sostenuta da politiche che incentivino anche i processi di integrazione tra piccole, medie e grandi aziende, le reti di subfornitura, le filiere (dal turismo all’agroalimentare, dal made in Italy alle nuove tecnologie), gli investimenti in innovazione e formazione. E’ una grande sfida – ha concluso Sangalli - e per vincerla tutta la pubblica amministrazione deve essere al fianco delle imprese, garantendo efficienza e quei servizi ‘fuori cancello’ che contribuiscono a creare un ambiente favorevole per competere”.
IL QUADRO GENERALE
I segni di ripresa della congiuntura, sommati ai processi di ristrutturazione del sistema produttivo nazionale (che da tempo favoriscono decentramento produttivo e crescita della singola azienda per “gemmazione”, più che per dimensione), sembrano aver ridato slancio all’incremento dello stock delle imprese italiane che, alla fine dello scorso giugno, ha raggiunto il valore di 4.972.110 unità (5.947.942 se si considera anche il settore agricolo). Al buon risultato dell’ultimo trimestre ha concorso in modo determinante l’andamento delle iscrizioni pari, nei tre mesi in esame, a 108.379 unità (nei primi sei mesi dell’anno il consuntivo delle nascite è pertanto di 222.258 unità). Si tratta della seconda miglior performance degli ultimi dodici anni dopo quella del 2001 quando, sempre tra aprile e giugno, fu superata la soglia delle 110mila unità. Il boom di nascite ha così contrastato ampiamente il pur elevato numero di cessazioni rilevate nel trimestre (il terzo in termini assoluti dal 1993 ad oggi: 60.579 unità che, sommate alle cessazioni di gennaio-marzo, portano il consuntivo delle chiusure tra gennaio e giugno a 167.705 unità). Conseguentemente, il tasso di crescita trimestrale dello stock delle imprese è stato pari allo 0,97%, superiore non solo a quello registrato nel corrispondente trimestre del 2003 (0,79%), ma anche a quello del 2002 (0,90%).
SALDI POSITIVI IN TUTTI I SETTORI
Tutti i settori economici hanno fatto registrare saldi positivi tra i valori di fine marzo e quelli di fine giugno, sia a livello nazionale che a livello delle grandi circoscrizioni. Unica eccezione, la sezione “Estrazione di minerali” – peraltro numericamente poco consistente - che presenta un modesto saldo negativo nella circoscrizione Sud e Isole. In termini assoluti, il 2° trimestre 2004 fa registrare una piccola “rivoluzione” nei pesi relativi dei singoli settori rispetto al totale dell’economia nazionale. Per la prima volta le “Attività manifatturiere” – da sempre al secondo posto per numerosità di imprese - vengono scavalcate dalle “Costruzioni”: alla fine di giugno, infatti, le unità di quest’ultimo settore erano 757.371, contro le 751.578 dell’industria manifatturiera.
Con ogni probabilità, la ragione va ricercata nel protrarsi nel tempo delle misure fiscali in favore degli interventi di manutenzione e di ristrutturazione delle abitazioni che, da un lato, può avere spinto verso la regolarizzazione molte attività prima “sommerse”; dall’altro ha favorito l’aumento del numero di imprenditori individuali (9.338 in più nel trimestre, i tre quarti del saldo del settore).
Significativo, a questo proposito, sembra il fatto che lo scavalcamento operato dalle costruzioni sia interamente addebitabile alla dinamica del Mezzogiorno (dove il settore edile supera di 16.095 unità quello dell’industria). In termini relativi, infine, il sorpasso si rispecchia nell’elevato tasso di crescita del settore (+1,65% a livello nazionale), secondo soltanto – tra i macro settori - a quello fatto registrare dalla sanità (+2,12%), peraltro di scarso rilievo numerico (509 unità il saldo in valore assoluto).
Al saldo delle costruzioni seguono quelli del commercio (+11.582 imprese, ma solo lo 0,74% in più rispetto al trimestre precedente) e del settore che, per brevità, può essere definito dei servizi alle imprese (informatica, noleggio, servizi professionali): +8.818 unità nel trimestre, grazie ad una dinamica di crescita molto accentuata rispetto alla media (+1,57%).
Notevoli anche i risultati del settore alberghiero e della ristorazione (oltre 3mila imprese in più in tre mesi, pari ad una crescita dell’1,12%) e del settore trasporti e comunicazioni (2.285 unità in più). Sotto la media nazionale (lo ricordiamo, pari a +0,97%) si colloca, invece, la crescita dell’industria manifatturiera (+0,24%, corrispondente a 1.790 imprese in più) e quella dell’altro grande settore dei servizi pubblici, sociali e personali: +0,64% tra aprile e giugno, con un saldo in termini assoluti di 1.519 unità.
NUOVO SLANCIO DEL NORD-EST, IL SUD CONTINUA A CONSOLIDARSI
La distribuzione dei dati fra le quattro grandi circoscrizioni territoriali non presenta particolari squilibri. In termini assoluti, si conferma la dinamica di lungo periodo che vede estendersi il tessuto imprenditoriale del Mezzogiorno: nel trimestre aprile-giugno il numero delle nuove iscrizioni nel Mezzogiorno ha superato di 2.840 unità quello del Nord-Ovest (il vantaggio era stato di 2.682 unità nel secondo trimestre dello scorso anno). Osservando le serie storiche, è da ben 30 trimestri che il numero complessivo delle imprese meridionali si mantiene superiore a quello del Nord-Ovest, mentre è da 41 trimestri consecutivi che il saldo del Sud risulta positivo.
In termini relativi, la conferma viene invece dalla rinnovata vitalità del Nord-Est che, come un anno fa, mette a segno il tasso di crescita più elevato del trimestre (1,03%). Tra le regioni, la palma della più dinamica spetta alla Calabria (+1,3%), seguita da Sardegna (+1,25%), Valle d’Aosta (+1,24%) e Abruzzo (+1,17%). All’estremo opposto si collocano la Basilicata (che con il suo 0,16% rappresenta il fanalino di coda delle regioni), il Friuli Venezia Giulia (+0,61%) e le Marche (+0,63%).
Tra le province, è Reggio Emilia a guidare la classifica della crescita (1,81% nel trimestre), seguita a ruota da Rimini (1,80%), mentre al terzo posto si colloca Reggio Calabria (1,70%). Da notare che delle prime venti posizioni, ben 11 sono appannaggio di province meridionali. Nel confronto con il dato fatto registrare nello stesso trimestre dell’anno precedente, le province che hanno recuperato maggiormente vigore sono Lecce, Brindisi e Reggio Calabria. Rispetto a 12 mesi fa hanno invece fatto peggio soprattutto Isernia, Macerata e Pavia.
Territorio e settori - Passando ad osservare i dati del territorio dalla prospettiva dei settori, si può notare come la lieve crescita dell’industria manifatturiera sia da attribuire soprattutto al Sud e al Nord-Est (rispettivamente +0,37 e +0,31%). All’interno del comparto, si distingue la buona performance di quest’ultima area che fa registrare i tassi di crescita più elevati sia nell’industria agroalimentare (+1,19%), che nel settore dell’editoria e stampa (+0,95%). Nord-Est leader anche nel settore più dinamico di tutti, quello delle costruzioni, dove mette a segno una crescita del 2,18% (1,65% la media nazionale) e in quello delle attività professionali (+1,63%). Per contro, all’area va il peggiore risultato nel tessile-abbigliamento (-1,83% il tasso di crescita), settore che a livello nazionale continua a contrarsi facendo registrare la perdita di 330 unità produttive, pari ad una riduzione nello stock di imprese dello 0,80%. In arretramento anche l’industria del legno, che ha nel Nord-Ovest l’area di maggior sofferenza (-1,14% a fronte di una media nazionale pari a -0,97%). L’area si riscatta con i migliori risultati negli alberghi e ristoranti (+1,31%), nei trasporti (+1,61%) e nel commercio all’ingrosso (+0,89%).
Senza spunti di rilievo le performance del Centro in tutti i settori, mentre è al Mezzogiorno che si registrano alcuni “picchi” di natalità: nella fabbricazione di elaboratori e macchine per ufficio (+3,59% a fronte di una crescita media del comparto pari all’1,90%), nella fabbricazione di macchine ed apparati meccanici (+1,55%), nell’industria del mobile (+1,87%). Sempre al Sud si concentra buona parte della crescita delle imprese del commercio: delle 11.582 imprese in più a livello nazionale, infatti, 5.239 (il 45,2%) sono localizzate nelle regioni meridionali, dove si registrano i tassi di crescita più elevati sia del commercio al dettaglio (+0,94%) che all’ingrosso (+0,89%).

I dati nazionali, regionali e provinciali diffusi da Unioncamere sulla base di Movimprese, la rilevazione trimestrale condotta da InfoCamere (società consortile di informatica delle Camere di Commercio italiane), sono disponibili on line.

Per saperne di più: vai al sito di Infocamere


Trovi tutte le notizie di attualità, costume, società, sondaggi, in Archivio 1 "Oltre la notizia", Sezione "Attualità", oppure effettua direttamente sul sito la ricerca di ciò che ti interessa.
Inizio pagina           Chi siamo               Copyright               Cookie Policy               Privacy               P.I. 01248200535
Immagine - Scegli il miglior Hosting Scegli il miglior Hosting
Il miglior servizio di hosting è quello di SiteGround. Lo abbiamo provato per te: un servizio solido, sicuro, affidabile, le tecnologie più aggiornate, assistenza sempre a tua disposizione e prezzi imbattibili. Leggi la nostra recensione:
- Perché scegliere l'hosting di SiteGround, pro e contro
Un'offerta speciale tutta per te. Approfittane, un'occasione unica! Clicca sul link: - scopri le offerte riservate, SiteGround, vai al sito
Immagine - Emozioni e PNL, diventare padroni del nostro destino Counseling on line: risolvi i tuoi problemi, realizza la tua vita
Counseling grafologico pedagogico evolutivo®, per realizzare noi stessi al 100%. Metodo fondato dalla dr.ssa Annarosa Pacini
Avere successo e vivere con soddisfazione la tua vita dipende da te. Dalla coppia alla famiglia, dal lavoro allo studio: scopri come fare per avere la vita che vuoi. Disponibile anche in modalità on line via Skype.
Leggi le testimonianze di chi lo ha provato in prima persona

Immagine - Grafologia evolutiva®, evolvi la tua vita, vai al sito Grafologia evolutiva, evolvi la tua vita Strumenti e metodi per star bene con noi stessi e con gli altri
Webinar, corsi, counseling, counseling on line, video, podcast, audiobook, ebook

Immagine - Comunicare per essere® podcast Comunicare per essere® podcast
Un podcast dedicato alla comunicazione e
alle relazioni interpersonali, in ogni ambito
della nostra vita
Tutte le puntate.
L'iscrizione è gratuita. Iscriviti immagine

Immagine - Miagrafologia.com, sito dedidcato alla grafologia Miagrafologia.com, la grafologia e le sue applicazioni
La consulenza grafologica in ambito giudiziario; relazioni, studio, lavoro; il gesto grafico.
Il counseling grafologico pedagogico evolutivo® per l'evoluzione e la formazione personale ad ogni età. Approfondimenti e focus.

Immagine - Amore, lavoro, famiglia: dall'astrologia  le risposte alle tue domande Amore, lavoro, famiglia: dall'astrologia le risposte alle tue domande
Consulenza astrologica on line sui punti fondamentali dell'oroscopo personale. Riflessioni e spunti per un percorso di crescita individuale
Un esperto a tua disposizione per sondare attraverso l'indagine astrologica l'universo che c'è dentro di te. Aria, Acqua, Terra, Fuoco, Case e Pianeti, Segno di nascita e Ascendente: consulenza astrologica on line sull'oroscopo del tuo tema natale. Scopri i segreti della tua Carta del Cielo.
Immagine - MusicAstrologia - focalizza le tue energie, libera la tua forza interiore, rafforza il tuo equilibrio - vai al sito MusicAstrologia: libera la tua forza interiore
Astrologia, musica e archetipi universali, ritmi e melodie in sintonia con i simboli e i messaggi astrologici
Essere se stessi fino in fondo vuol dire avere il coraggio di guardarsi dentro. Karma, spirito, materia, pensiero, sono parole vuote se non permettiamo a noi stessi di conoscerci. Noi siamo più di quello che crediamo di essere. MusicAstrologia, lasciati ispirare.
Immagine - Informavideo, video professionali per il web - Vai al sito Informavideo®, video professionali informativi per il web
Video professionali per i professionisti e gli imprenditori, pensati per il web
Professionisti, imprenditori, organizzazioni: se la qualità e il valore dei tuoi servizi e dei tuoi prodotti è ciò che ti distingue, Informavideo è ciò che fa per te. Informa con un video breve, efficace, interessante.